Crema di nocciole

Posted by on 16 aprile 2012 in Blog | 2 comments

Storiella. Un paio di settimane fa sono stato a “Fa’ la cosa giusta” a Milano, fiera del consumo critico e stili di vita sostenibili. La visita è stata un po’ deludente, probabilmente avevo aspettative un po’ troppo alte: anche se c’erano delle opzioni vegane nei due principali ristoranti all’interno della fiera, l’area della cura del corpo proponeva al massimo prodotti non testati su animali ma non 100% vegetali. Per non parlare dei piadinari che avevano attaccato un “bio” davanti al menù tradizionale di piadine con la salamella e messa in bella mostra una confezione immacolata di lievito bio. Ignorando questi dettagli, il messaggio che si ha visitando la fiera è che il vivere in modo sostenibile dipende principalmente dal portafogli: più è gonfio e più la vita è sostenibile.

Comunque tra i vari espositori c’era un piccolo banchetto che vendeva un unico prodotto: una crema di nocciole. Dopo un assaggio non ho potuto non comprarne un barattolo. Vi ricordate la Nutella? Molto, molto molto meglio. Avete presente quelle creme che trovate ai supermercati bio (ora mi sfugge la marca)? Molto, molto meglio.

Aveva solo 3 ingredienti: nocciole, zucchero di canna, cacao. STRABUONA. Peccato che un barattolino costi 7 euro e che duri troppo poco. Così ho pensato di provare a farmela in casa.

Oggi ho comprato gli ingredienti: 300g di nocciole tostate le ho pagate quasi 6 euro cioè quasi il costo del vasetto (magari non servono tutte… vedremo). Proverò a farla e se sarà commestibile vi posterò la ricetta ma se nel frattempo la trovate (ad esempio mi ricordo che è distribuita anche al Centro Botanico) non lasciatevela scappare! Teo & Bia.

2 Comments

  1. 16-04-2012

    Ciao! Non sei il primo che leggo a non essere soddisfatto di fa’la cosa giusta. Ormai certi temi sono proprio sull’onda del business…..
    Fortunatamente ci sono ancora tante realtà genuine!

  2. 03-06-2012

    L’ho assaggiata anche io la cream di nocciole Teo&Bia… ed è la cosa più buona che abbia mai assaggiato!! Penso che però per riprodurla ci volgiano molte, ma MOLTE nocciole… e se non hai un albero di nocciolo in giardino è un pò infattibile… 😉

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *